Pubblicato da: thomas | ottobre 25, 2008

anidride carbonica filtrata dai mari

 

Da un ultimo studio della NASA gli oceani avrebbero rallentato gli effetti del riscaldamento globale poiché i mari, avrebbero un ruolo di “filtro naturale”, trattenendo una gran parte dell’anidride carbonica in eccesso nell’atmosfera.

Questo fenomeno, all’apparenza positivo, andrebbe però a modificare la chimica degli oceani, rendendoli un po’ più acidi e creando difficoltà alla vita di molti organismi marini microscopici.

 

Ovviamente la diminuzione di questi organismi marini andrebbe ad influire anche sulla vita dell’uomo.

Infatti è sufficiente pensare a tutte quelle popolazioni sulla terra che sono dipendenti dalle risorse marine per il loro sostentamento alimentare.

Questo aumento dell’acidità degli oceani inoltre creerebbe anche non pochi problemi al delicato ecosistema delle barriere coralline, già seriamente minacciate da altre attività umane.

 

Per avvalorare questa ipotesi, la NASA attende i dati del nuovo osservatorio orbitale “ Orbiting Carbon Observatory” che sarà lanciato nel gennaio 2009 e che fornirà agli scienziati dati più precisi riguardo la distribuzione e la quantità d’anidride carbonica nell’atmosfera.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: